98 Segundos sin Sombra

Presentato nella rassegna annuale Cinema fuori dagli sche(r)mi (officiata dalla rivista Uzak e dal suo fondatore Luigi Abiusi), il secondo lungometraggio del boliviano Juan Pablo Richter costituisce un lucido e insieme ludico racconto di formazione. Tratto da un romanzo di Giovanna Rivero, 98 Segundos sin Sombra pare inserirsi, per una curiosa coincidenza poetica – questo rivela il regista – entro un filone del cinema d’essai contemporaneo dalle forti coloriture antinaturalistiche, nostalgiche, cosmiche. Vicino per ethos ai drammi esoterici di Yann Gonzalez e Bertrand Mandico, Richter tratteggia una vicenda di schietta quotidianità secondo attente variazioni tonali, in un non-racconto che privilegia le pause, i silenzi, la staticità del tableau vivant. Gli anfratti dello spazio domestico si fanno, nella mente di Genoveva, scenario di proiezioni impossibili: incubi in luce scarlatta, derive astrali dal sapore fumettistico, visioni dal sapore oscuramente profetico.

 

Fabio Cassano

 








Leggi di più al link https://madmagz.com/magazine/2018710

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: