La Pietà invoca pietà

È della piazza di San Pietro a Roma che inizia a risuonare tenue l’invocazione di pietà. 

È da quel calvario di marmo, da quella perfezione scultorea, senza dubbio la più nota è ammirata nel mondo, che la Pietà viene a chiedere la partecipazione al dolore della sofferenza: una Mater Dolorosa offre e mostra il corpo senza vita, tenuto in grembo, di suo Figlio, appena deposto dalla croce, all’umanità intera.

La perfezione e la naturalezza scelte da Michelangelo, appena ventenne, per questa grandiosa opera che il tempo ha lasciato coincidere all’artista (e all’artista con la sua opera), rappresentano una scelta poetica precisa: coinvolgere lo sguardo conscio dello spettatore concedendogli di entrare nel mistero profondo della morte – inteso come momento più alto della vita, e della resurrezione di Gesù Cristo.

Claudia Dell’Era

Leggi di più al link https://madmagz.com/magazine/2058119#/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: